Alphabet, risultati solidi grazie a YouTube

Il colosso tecnologico registra un forte rendimento grazie al successo di YouTube, mentre affronta sfide legali e concorrenziali significative.

Il guadagno netto e le entrate di Alphabet sono cresciuti leggermente oltre le previsioni degli analisti, poiché i proventi pubblicitari dell’azienda sono aumentati di oltre il 9%. Il guadagno netto del terzo trimestre di Alphabet è stato di 19,7 miliardi di dollari, equivalente a 1,55 dollari per azione, registrando un aumento del 46% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

l fatturato è stato di 76,7 miliardi di dollari, supportato dalla crescita della ricerca su Google e dalla pubblicità su YouTube. Nonostante i risultati complessivamente superiori alle aspettative, le azioni di Alphabet sono scese nel dopo-borsa poiché i ricavi di Google Cloud, che sono saliti a 8,41 miliardi di dollari durante il terzo trimestre, sono risultati inferiori alle previsioni degli analisti.

L’approdo di ChatGPT, lo strumento di intelligenza artificiale per modelli linguistici di grandi dimensioni immensamente popolare che la rivale Microsoft Corp.  ha rapidamente integrato nel proprio strumento di ricerca Bing e in altri prodotti a seguito di un investimento di 10 miliardi di dollari all’inizio di quest’anno, ha suscitato preoccupazioni sul fatto che la ricerca di Google, a lungo dominante, possa vedere un calo di popolarità.

In risposta, Alphabet ha presentato Google Bard, uno strumento di intelligenza artificiale in fase di sviluppo che potrebbe contribuire a rivoluzionare la propria ricerca e altri strumenti. Le preoccupazioni degli inserzionisti sulla popolarità di Google Search sembrano essere diminuite per il momento, anche se rimane da vedere ulteriormente mentre Google continua i suoi sforzi per integrare completamente l’intelligenza artificiale nel suo prodotto di ricerca.

LEGGI ANCHE:  YouTube Music: Grafica Playlist e altro ancora con l’IA

“Sono soddisfatto dei nostri risultati finanziari e dello slancio dei nostri prodotti in questo trimestre, con innovazioni basate sull’intelligenza artificiale su Search, YouTube, Cloud, i nostri dispositivi Pixel e altro ancora, stiamo continuando a concentrarci sul rendere l’IA più utile per tutti; Ci sono progressi entusiasmanti e molto altro in arrivo“, ha dichiarato il CEO Sundar Pichai in una nota.

Anche Google Cloud trae vantaggio dalla corsa verso l’intelligenza artificiale negli ultimi mesi, poiché è diventata la scelta preferita per le aziende che cercano di addestrare gli strumenti di intelligenza artificiale. Questo flusso di nuove attività ha portato a un terzo trimestre consecutivo di redditività operativa per Cloud.

D’altra parte, Google è ancora alle prese con il più grande caso di antitrust degli ultimi 20 anni. Le autorità di regolamentazione governative sostengono che Alphabet stia adottando pratiche monopolistiche illegali per garantire il dominio del suo motore di ricerca.

Secondo quanto riferito, la società paga fino a 20 miliardi di dollari all’anno ad Apple Inc. (AAPL) per essere la scelta di ricerca predefinita sui dispositivi Apple, con pagamenti aggiuntivi ad altre aziende tecnologiche per obiettivi simili. Le azioni di classe C di Alphabet sono aumentate di quasi un terzo nell’ultimo anno, raggiungendo quasi 138 dollari ciascuna. Si avvicinano al massimo storico di circa 150 dollari per azione dalla fine del 2021. Nonostante le sfide affrontate, la capacità di adattamento e innovazione di Alphabet continua a essere evidente.

LEGGI ANCHE:  YouTube può sostituire Netflix? Perché si, Perché no

Il lancio di Google Bard rappresenta solo una delle molte iniziative che l’azienda sta intraprendendo per mantenere la propria posizione di leadership nel settore dell’intelligenza artificiale e della tecnologia. Parallelamente, l’incremento della redditività operativa di Google Cloud sottolinea il successo delle strategie di espansione di Alphabet nel settore dei servizi cloud e dell’elaborazione dei dati.

L’azienda sta investendo in modo significativo nell’infrastruttura tecnologica per soddisfare la crescente domanda di servizi cloud avanzati e scalabili, posizionandosi in modo competitivo rispetto ad altri giganti del settore. Tuttavia, la questione legale dell’antitrust potrebbe rappresentare una sfida significativa per Alphabet nei prossimi anni, poiché il caso potrebbe influenzare la direzione futura della regolamentazione delle grandi società tecnologiche.

Mentre Google si impegna a difendere le proprie pratiche commerciali, è probabile che il processo abbia un impatto duraturo sull’intero settore tecnologico e sulle dinamiche del mercato.

Crediti: Per questo articolo ci siamo ispirati a un testo originale pubblicato su Investopedia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.