Come fare video su Youtube – La guida per principianti

YouTube: La piattaforma di video sharing più famosa del web e quindi, inevitabilmente, anche una vetrina imprescindibile per ogni creatore di contenuti.

Da sempre visioniamo video realizzati con pochissimi mezzi e difatti molti di noi, sapendo anche i guadagni che si possono ottenere, hanno tentato questo percorso. Se ti stessi chiedendo come fare, questa breve guida ti aiuterà a comprendere quanto sia facile diventare un creator su Youtube.

Quest’ultimo inoltre, ha cambiato durante il corso del suo tempo molte delle sue policy, perciò quest’articolo ti servirà anche per aggiornarti sulle ultime novità rispetto ai contenuti che si possono pubblicare senza incorrere in futili rischi.

Cosa ti serve per pubblicare video su YouTube

Il primo requisito che serve per pubblicare video sulla piattaforma, è avere un account google. Senza di esso infatti, non si può accedere ad alcuni servizi tra cui quello in analisi. Dopo aver risolto questo primo step e aver fatto l’accesso e creato un canale YouTube, avrai l’opzione “carica” tramite la quale potrai importare i video che preferisci.

Ricordati che la pubblicazione può essere di vari tipi e ci sono molteplici impostazioni disponibili. Bisogna quindi conoscerle tutte se si vuole fare un buon uso di Youtube.

Durante il processo di caricamento del contenuto, potrai quindi settare il video su Pubblico, non in elenco, privato o pianificato. Capiamo insieme quali sono le differenze.

LEGGI ANCHE:  David Dobrik citato in giudizio per 10 milioni di dollari da Jeff Wittek per l'acrobazia con l'escavatore finita in una maniera orribile

Carica video pubblico, non in elenco, privato o programmato

“Pubblico” significa che il tuo contenuto sarà visibile da tutti, mentre l’opzione “non in elenco” non inserirà il tuo video nelle ricerche, ma sarà comunque visibile a tutti coloro che hanno il link, oppure se incorporato da qualche parte.

Proseguendo, un contenuto privato è invece solo personale e può essere visto da te e da persone che sceglierai tu d’invitare.

In ultimo abbiamo l’opzione pianificato che servirà per pubblicare un’anteprima non disponibile su Youtube, con giorno e orario della pubblicazione in cui sarà visibile da tutti. È utile se volete programmare i contenuti nel corso della settimana a orari specifici, senza dover essere li, in ogni preciso istante, a premere il tasto pubblica.

Infine, è possible, quando si pubblica un video, spuntare l’opzione “Premiere”. Quest’ultima scelta serve soprattutto per creare attesa nei propri iscritti e followers.

Tieni a mente il Copyright

Un altro importante aspetto da sapere se si vogliono caricare contenuti senza avere problemi è il fattore copyright. Quest’ultimo non è altro che uno strumento che permette di proteggere, gli stessi creatori di contenuti e i brand da “furti” audio e video.

Questo significa che inserire all’interno del proprio video, una sequenza filmica o una canzone senza avere i diritti e l’autorizzazione, mette il tuo contenuto in una posizione pericolosa in quanto potrebbe essere rimosso andando anche compromettere il tuo canale Youtube, oppure non consentire la monetizzazione del tuo canale, a meno che l’utilizzo non rientri nel cosi detto “Fair Use”.

LEGGI ANCHE:  YouTube incoronato prima Piattaforma Streaming dell'anno

Immagine: YouTube, in fase di caricamento, ti dirà se sono presenti problemi di Copyright. Tuttavia, tieni presente che anche se non vengono rilevati automaticamente, contenuti con copyight potrebbero causare problemi in seguito (oppure non consentire la monetizzazione)

Ottimizza il video

Dopodiché, imparati questi accorgimenti molto utili, potrai caratterizzare il tuo video con tag, titoli, categorie e tantissimo altro. Inoltre sappi che la durata di upload, ossa il processo di caricamento sulla piattaforma, ha una durata molto variabile che dipende da due fattori: la connessione internet e la risoluzione/durata del video. Un video registrato in 1080p ci metterà più tempo a inserirsi nella piattaforma rispetto a uno di 720p. Questo discorso vale appunto, anche per la durata piuttosto che il formato. Il formato ideale è mp4, e caricare altri formati come .mov e .avi richiederà molto più tempo in quanto il file avrà dimensioni maggiori.

In seguito alla pubblicazione del contenuto potrai ovviamente modificare ciò che hai realizzato e aggiungere tutto quello che desideri: sfocatura dei volti e vari effetti visivi, oltre che schede, sondaggi e schermate finali per aumentare il coinvolgimento del tuoi pubblico.

Immagine: Nella sezione “elementi del video”, è possibile aggiungere anche schede e schermate finali e sono entrambe altamente consigliate, per ottenere risultati di interazione migliori.

Ripensamenti? Nessun problema!

Per fare tutto ciò ti basta scegliere l’opzione gestione video, nella quale potrai modificare ciò che hai inserito.

LEGGI ANCHE:  YouTube nuove strategie di Neuromarketing

Ricorda, tuttavia, che gli effetti particolari e tutto ciò che concerne un certo tipo di realizzazione peculiare si fanno prima della pubblicazione del video in fase di montaggio e creazione. Youtube è una piattaforma di condivisione dei contenuti, non ti mette a servizio software notevoli per l’arricchimento del tuo contenuto, quindi assicurati di editare video prima del caricamento in maniera piacevole e, se possibile, professionale.

Immagine: Puoi modificare un video anche una volta che è già stato pubblicato, tramite YouTube studio

Se seguirai queste indicazioni, vedrai che pubblicare video sarà facilissimo, soprattutto grazie all’accessibilità che oggi è disponibile sulla piattaforma. Se non disponete di un Pc, non sussiste problema poiché caricare e registrare video è possibile anche da mobile attraverso l’app di Youtube. Il percorso e le direttive sono le stesse.

Grazie per la lettura, e buona fortuna su YouTube!

Lascia un commento

Your email address will not be published.