YouTube nuove strategie di Neuromarketing

 Junbi.ai, un mondo completamente nuovo di testare gli annunci di YouTube che in precedenza era disponibile solo attraverso complessi e costosi studi di neuromarketing.

Ciao amici di TuttoYoutube. In questo articolo affronteremo un argomento tanto complicato quanto affascinante, il neuromarketing. Ma che cos’è il neuromarketing? Scopriamo passo passo come funziona e come viene usato per testare gli annunci su YouTube.

Scopriamo il neuromarketing

Il neuromarketing è l’applicazione delle neuroscienze al marketing. In pratica, mixando elementi di neuroscienza, psicologia ed economia comportamentale, studia il comportamento dei consumatori per comprendere come il loro cervello prende le decisioni di acquisto. In particolare, il neuromarketing è utile a indagare i processi decisionali inconsci, che sono responsabili della maggioranza dei comportamenti d’acquisto: sembra che addirittura il 95% delle decisioni venga preso irrazionalmente.

Alcuni anni fa, il team di intelligenza artificiale di Junbi.ai ha condotto uno studio neuroscientifico coinvolgendo 10 creativi pubblicitari. Li ha sottoposti a una scansione MRI per monitorare l’attività cerebrale mentre valutavano reciprocamente i propri lavori. I risultati hanno mostrato coerenza nei voti, tranne per un’eccezione: i marketer si sono valutati più positivamente. Questa sincerità nelle valutazioni è stata evidenziata dalle reazioni cerebrali, sottolineando l’importanza del neuromarketing nel comprendere le risposte non filtrate dei consumatori rispetto ai metodi tradizionali di ricerca di mercato.

Sebbene esista da decenni, il neuromarketing è rimasto un’attività esclusiva, principalmente a causa del suo costo elevato. Mentre la maggior parte dei marketer desidererebbe dati dettagliati sul gradimento del pubblico per gli annunci, il modo in cui li recepiscono, cosa funziona e dove perdono l’attenzione, la realtà è che pagare 15-20 mila euro all’ora per una risonanza magnetica è fuori budget per la maggior parte.

LEGGI ANCHE:  YouTube Music Implementa l'Aggiunta di Podcast tramite RSS

A meno che, ad esempio, non ci sia uno spot del Superbowl all’orizzonte. Anche altri approcci, come i test dell’elettroencefalogramma (EEG) e il motion capture per il tracciamento oculare, sono così dispendiosi in termini di tempo e risorse che pochi marketer oserebbero integrarli come componente fondamentale dei loro processi creativi.

Di conseguenza, la stragrande maggioranza dei marketer è bloccata a prendere decisioni basate sull’opinione degli esperti, che, come suggerisce lo studio di cui sopra, può essere congruente ma è spesso oscurata dall’ego. Anche quando tutti sono allineati, ti dice molto poco su come la campagna funzionerà effettivamente.

“Era frustrante per me quando lavoravo nel marketing, provavamo le campagne, le facevamo girare da persone, avevamo grandi aspettative, e poi non andavano affatto bene. O viceversa”. ha affermato Olthof.

Cercando un approccio migliore al marketing

Questa frustrazione, unita a un incontro casuale con Ale Smidts, lo scienziato che ha coniato il termine “neuromarketing”, ha spinto Olthof a cambiare direzione nella sua carriera. Poco più di otto anni fa, ha fondato la società di consulenza di neuromarketing Alpha .One con l’obiettivo di aiutare i marchi a creare contenuti più efficaci utilizzando metodi neuroscientifici come fMRI, EEG e eye-tracking.

Con una crescente libreria di dati neuroscientifici e partnership con l’Università Erasmus e il MIT, il team ha sviluppato la piattaforma di tracciamento oculare predittivo expoze.io, che applica l’intelligenza artificiale per prevedere l’attenzione visiva con una precisione del 95%, senza la necessità di partecipanti.

Tuttavia, secondo Daan van der Wiele, Head of Marketing & Product di Alpha.One, “alla fine della giornata, expoze.io è più una soluzione di ricerca che uno strumento di marketing.”

LEGGI ANCHE:  Facebook accusato di spionaggio

Fornirà risposte valide e perspicaci a domande di ricerca scientifica, ma non determinerà se qualcosa è buono o cattivo. Funziona per alcuni marchi, ma potrebbe essere eccessivo per altri.” Questo ha portato il team a compiere un passo ulteriore, dando vita a Junbi.ai.

Le neuroscienze a portata di click

Junbi.ai è una piattaforma per il pre-test e il benchmarking degli annunci su YouTube. Integrando l’eye-tracking predittivo di expoze.io basato sull’intelligenza artificiale con la visione artificiale, fornisce informazioni uniche e predictive sulle performance attese degli annunci su YouTube e sul loro confronto con altri.

Concentrandosi su una specifica piattaforma, il team di Junbi.ai ha sviluppato metriche e benchmark per valutare i media, semplificando l’analisi scientifica dei dati per i team di marketing.

“Siamo realisti, i marketer hanno bisogno di un indicatore a semaforo che risponda a una semplice domanda: il mio annuncio fa schifo?“, scherza Van der Wiele, sottolineando che Junbi.ai si impegna a fornire tale indicazione.

Queste tre metriche scientificamente validate sono integrate con l’apprendimento derivante da migliaia di altre campagne e test sull’efficacia degli annunci. Ad esempio, per ottenere un indicatore complessivo o un “semaforo” dell’efficacia, è consigliato dare maggiore peso all’attenzione al marchio all’inizio e alla fine di un annuncio, come suggerisce Van der Wiele.

Fornendo metriche sulle performance e una suddivisione del video per quarti di secondo, gli esperti di marketing possono identificare con precisione cosa migliorare e quale area necessita di interventi, tutto con un approccio neuroscientifico a una frazione del costo, con un semplice clic di un pulsante.

LEGGI ANCHE:  YouTube, stop alla pubblicità grazie a una VPN

Conclusione

In conclusione, il neuromarketing emerge come una disciplina affascinante e innovativa nell’ambito del marketing, sfruttando le neuroscienze per comprendere meglio i processi decisionali dei consumatori. L’evoluzione di strumenti come expoze.io e Junbi.ai rappresenta un passo significativo verso l’applicazione pratica di queste conoscenze, consentendo ai professionisti del marketing di ottenere insight più profondi ed efficienti sulle performance degli annunci su YouTube.

La combinazione di metriche scientificamente validate, come il punteggio di attenzione del marchio, la facilità cognitiva e il punteggio di svolta dell’annuncio, con l’uso dell’intelligenza artificiale e il tracciamento oculare predittivo, offre una prospettiva unica nel mondo del marketing digitale. Questi strumenti consentono agli esperti di marketing di prendere decisioni informate e mirate, identificando con precisione gli aspetti da migliorare e le aree che richiedono interventi.

Mentre il neuromarketing può inizialmente sembrare un campo riservato a pochi, l’avvento di piattaforme come Junbi.ai sta rendendo queste tecnologie più accessibili, abbattendo le barriere economiche che hanno limitato l’adozione di approcci neuroscientifici nel passato.

In definitiva, l’integrazione del neuromarketing nell’analisi delle performance degli annunci su YouTube apre nuove prospettive per un marketing più efficace e orientato ai risultati. Resta da vedere come questa disciplina continuerà a evolversi, ma l’approccio innovativo di Junbi.ai e simili rappresenta un passo verso un futuro in cui la comprensione del cervello del consumatore sarà un elemento chiave per il successo delle strategie di marketing digitale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.