Ora puoi canticchiare per cercare in YouTube Music

La nuova funzione di identificazione dei brani dell’app è simile a quella offerta da Google nella sua app e sui Pixel.

YouTube Music sta iniziando a implementare una funzione su Android che consente agli utenti di utilizzare la propria voce per cercare canzoni che non riescono a togliersi dalla testa.

Gli utenti dovrebbero iniziare a notare un’icona della lunghezza d’onda accanto al simbolo del microfono quando toccano la ricerca in YouTube Music (all’estrema destra della barra di ricerca).

Una volta che YouTube Music ottiene una corrispondenza, agli utenti viene fornita una semplice pagina iniziale con tutte le informazioni sul brano. La pagina “risultati” mostra la copertina, il titolo, il gruppo (o l’artista) di una canzone e il titolo dell’album con il suo anno di debutto. Inoltre, gli utenti possono riprodurre il brano direttamente lì o salvarlo in una playlist nuova o preesistente.

La nuova identificazione dei brani di YouTube Music può continuare poiché la piattaforma offre lo stesso simbolo della lunghezza d’onda in basso. La sua ricomparsa consente agli utenti di riavviare il processo di ricerca invece di tornare alla pagina di ricerca dell’app.

LEGGI ANCHE:  25 statistiche di YouTube sorprendenti: Edizione 2021

Mentre la nuova identificazione del brano è stata individuata nella versione 7.02 di YouTube Music, secondo quanto riferito, la funzione è stata attivata tramite un aggiornamento lato server. Nel frattempo, gli utenti dovrebbero assicurarsi di eseguire l’ultima versione dell’app. Nonostante l’esecuzione della versione software 7.02.51, non abbiamo ancora notato la funzione.

Gli utenti avranno familiarità con l’idea di canticchiare per cercare una canzone, poiché l’app di Google ce l’ha da alcuni anni. Sei in grado di canticchiare, cantare o persino fischiettare e Search cercherà di abbinare la melodia alla canzone corretta. Allo stesso modo, un tipo di identificazione delle canzoni ha colpito Pixels alcuni mesi fa, consentendo al dispositivo di tenere le orecchie aperte alle canzoni. Tramite “In riproduzione”, i telefoni Pixel possono identificare quale brano è in riproduzione, se abilitato, e possono avvisare l’utente in modo che non lo temano in seguito.

In altre notizie, l’estensione Gemini di YouTube Music è finalmente arrivata ieri per gli utenti Android e desktop. Dopo aver collegato il proprio account YouTube Music, gli utenti possono iniziare a chiedere all’Intelligenza Artificiale di trovare brani specifici realizzati da un artista con cui hanno familiarità. Chiedere a Gemini di “suonare” una canzone funziona su Android, tuttavia, non funziona ancora correttamente sul web.

Lascia un commento

Your email address will not be published.