Twitch e YouTube: no ai top-gamer super-pagati

Dopo anni di promesse a sette e otto cifre, Twitch di Amazon e YouTube di Alphabet hanno deciso di non offrire più lucrosi accordi sui contenuti ai giocatori di livestreaming più popolari sulle loro piattaforme.

In un’intervista rilasciata durante la conferenza TwitchCon di Las Vegas, l’amministratore delegato di Twitch, Dan Clancy, ha dichiarato che questa strategia ha “creato una guerra di offerte” e che non crede che sia un modello di business sostenibile.

Secondo due persone a conoscenza della strategia dell’azienda, che hanno chiesto di non essere identificate, anche YouTube si sta allontanando da partnership di questo tipo.

La piattaforma di hosting video sta riducendo la durata dei contratti che offre e tagliando il valore totale degli accordi con i livestreamer più famosi. Una richiesta di commento da parte dell’azienda è stata ignorata dall’organizzazione.

Twitch e YouTube_ no ai top-gaming super-pagati-1

Lotta tra influencer

YouTube e Twitch sono impegnati da più di tre anni in una battaglia per accaparrarsi i migliori talenti del gioco, nel tentativo di rafforzare i rispettivi servizi di livestreaming.

Le piattaforme sono giunte alla conclusione che l’aumento del prezzo per guardare le celebrità dei videogiochi, note anche come influencer, giocare in diretta avrebbe portato centinaia di migliaia o milioni di nuovi spettatori, che a loro volta avrebbero aumentato le entrate pubblicitarie.

Nel 2019, Microsoft ha fatto una breve incursione nel mondo delle celebrità dei videogiochi cercando di ingaggiare la celebrità dei videogiochi Tyler “Ninja” Blevins e altri per la sua piattaforma Mixer, che da allora è stata interrotta. Il quale, dopo qualche tempo, è tornato a Twitch.

LEGGI ANCHE:  YouTube contro i deepfake generati dall'AI

Le piattaforme sono attualmente in fase di transizione

Secondo un articolo di Bloomberg dell’epoca, Twitch ha smesso di richiedere clausole di esclusività nei suoi contratti con i migliori streamer, o “partner”, intorno al 2022.

Alla TwitchCon, l’azienda ha annunciato che gli streamer possono ora trasmettere simultaneamente su qualsiasi altra piattaforma, come YouTube, TikTok di ByteDance o Instagram di Meta.

Clancy ha dichiarato che in precedenza l’obiettivo di Twitch era quello di competere con altre piattaforme. Clancy ha dichiarato che sta “riducendo significativamente” il numero di streamer che hanno accordi personalizzati con l’azienda, anche se ce ne sono ancora.

La maggior parte dei dipendenti dell’azienda, a eccezione di un numero molto ristretto di persone di talento, si sta avviando verso termini normali.

Dopo il trasferimento da Twitch a YouTube, alcuni streamer hanno osservato una diminuzione delle dimensioni del loro pubblico in diretta. Molti utenti che prima trasmettevano su altre piattaforme sono tornati su Twitch.

Twitch e YouTube_ no ai top-gaming super-pagati-2

Un ritorno in massa?

Sebbene YouTube sia più popolare, Twitch è ampiamente considerato il portabandiera del settore quando si tratta di livestreaming di videogiochi. Twitch è stato il pioniere della cultura del livestreaming dei videogiochi, a partire dall’introduzione del suo predecessore, Justin.tv, nel 2007.

Secondo quanto riferito, nel 2018 Twitch ha sborsato 90 milioni di dollari ad Activision Blizzard per ottenere i diritti esclusivi di streaming della Overwatch League per un periodo di due anni.

LEGGI ANCHE:  Youtube, è tempo di remix!

Dopo che YouTube ha assunto il controllo di tali diritti alla scadenza del contratto con Twitch, gli spettatori della piattaforma hanno iniziato a diminuire.

Twitch e YouTube_ no ai top-gaming super-pagati-3

Nuovi contendenti

Secondo recenti notizie, Kick, un servizio di streaming specializzato di proprietà del titolare di una società di criptovalute, ha fornito notevoli incentivi finanziari in cambio di diritti di streaming non esclusivi.

Il New York Times ha affermato a giugno che Felix “xQc” Lengyel, una celebrità della piattaforma di streaming Twitch, ha siglato un accordo per 100 milioni di dollari con Kick, dove trasmette contenuti legati al gioco e al gioco d’azzardo.

Nonostante il fatto che “i grandi acquisti facciano notizia”, Kick ha annunciato di aver firmato anche 133 creatori “di piccole e medie dimensioni”.


Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su bloomberg.com nella sua forma originale. Segui questo link per leggere l’originale in Inglese.

Lascia un commento

Your email address will not be published.