YouTube cambia, e rimuove i links dagli Short

Novità nella politica di collegamento rinnovata di YouTube per il 2023

La politica di YouTube per i link nei Short di YouTube sta cambiando. Ecco tutto ciò che è cambiato nella politica per il 2023.

I Short di YouTube sono uno degli strumenti che i creatori utilizzano per guadagnare follower e reindirizzare il traffico verso altri contenuti e piattaforme tramite link. Tuttavia, alcune persone abusano di questo sistema e utilizzano i link nei loro Short per reindirizzare utenti ignari a pagine di truffe di varia natura o spam.

Per questo motivo YouTube sta modificando la sua politica sui link dei Short e di altri contenuti della piattaforma. Ecco cosa c’è da sapere.

A partire dal 31 agosto 2023, l’azienda smetterà di includere i link nei commenti e nelle descrizioni, nonché il live stream verticale in Shorts, come indicato in un avviso pubblicato su YouTube Help nell’agosto 2023.

La transizione avverrà per gradi, il che significa che non tutti gli account degli utenti vedranno rimossi i loro collegamenti a Shorts nel giorno stabilito.

Tuttavia, a un certo punto del futuro, tutti i collegamenti che possono essere cliccati sui Short di YouTube saranno rimossi.

Il 10 agosto 2023 sono state inoltre eliminate le icone dei social network che potevano essere cliccate dai banner dei canali sul desktop.

Ciò significa che le icone di Facebook, Instagram, TikTok, X (in precedenza Twitter) e di qualsiasi altra piattaforma di social media utilizzata non appariranno più sul banner del canale quando viene visualizzato dagli abbonati.

LEGGI ANCHE:  Guadagnare anche con YouTube Shorts? Da oggi si può! Ecco come funziona

YouTube ha dichiarato che li sta eliminando perché sono fonte di link ingannevoli e sta anche implementando “misure preventive per rendere più difficile per i truffatori e gli spammer ingannare o truffare gli utenti attraverso i link”.

Ciononostante, YouTube ha rassicurato i suoi utenti che non renderà inaccessibili ai clic i link non espressamente indicati.

YouTube sta introducendo nuove modalità di collegamento ai contenuti presenti su altri canali YouTube

Anche se la piattaforma video ha rimosso i link da YouTube Shorts e dal banner del canale, lo ha fatto sapendo che molti creatori di contenuti si affidavano a quei link per promuovere il proprio lavoro. Pertanto, al posto dei link appena rimossi, YouTube presenta alcune alternative.

Image Credit-YouTube Help -1

Il 23 agosto 2023 i creatori avranno la possibilità di aggiungere link che verranno visualizzati in modo evidente sopra il pulsante Iscriviti. Se un follower lo tocca, si aprirà una finestra che mostrerà tutti i link che il creatore ha aggiunto al suo profilo del canale. A questo punto si potrà aggiungere un link a qualsiasi cosa si desideri; ad esempio, si potrà creare una pagina su se stessi e collegarla come mezzo per presentarsi come YouTuber.

Image Credit - YouTube Help 2

Inoltre, a partire dalla fine di settembre 2023, YouTube consentirà ai produttori di contenuti di collegare i loro video long-form di YouTube direttamente ai segmenti di YouTube Shorts che hanno caricato sui loro canali.

LEGGI ANCHE:  Incidente dello Youtuber "TheBorderline" - Un riepilogo

In questo modo sarà più semplice per i produttori promuovere i loro video principali attraverso i short, il che a sua volta aiuterà i creatori a guadagnare più follower e visualizzazioni utilizzando i short di YouTube.

Grazie a questa modifica, ora varrà la pena per i creatori di video di lunga durata di inviare i loro video come short di YouTube. Inoltre, questo aiuterà, a spingere gli artisti a produrre e suggerire materiale con contenuti di migliore qualità.

Come guidare i visitatori lontano dai vostri short e verso i vostri link

Il nuovo riquadro dei link che si trova sopra il pulsante di iscrizione fornisce una soluzione parziale al problema della rimozione delle icone delle piattaforme di social media dal banner del canale sul desktop. Tuttavia, la rimozione dei link dai short di YouTube può avere un impatto negativo su alcuni produttori.

Ciò è particolarmente vero per quei creatori che contano sui short di YouTube come una delle loro occupazioni collaterali online per guadagnare denaro extra attraverso il marketing di affiliazione.

Youtuber che registra un video in soggiorno

Quindi, cosa potete fare per riconquistare i vostri clienti e la vostra attività? Potreste, ad esempio, produrre un video complementare di lunga durata da utilizzare per aggiungere i vostri link di affiliazione.

Potreste, ad esempio, produrre un breve video su YouTube per introdurre l’articolo che state cercando di vendere. Successivamente, potrete produrre una recensione completa della durata di cinque o dieci minuti e collegarla al video breve che avete creato.

LEGGI ANCHE:  YouTube sorpassa Netflix come piattaforma video preferita dai ragazzi

Questo non solo aiuta i vostri spettatori a comprendere meglio il prodotto che state promuovendo, ma ha anche il potenziale per darvi maggiore credibilità, perché potete mostrare loro onestamente che cosa state vendendo.

Successivamente, potete includere il link di affiliazione nel video long-form, che vi consentirà di mantenere il vostro attuale livello di reddito.

Avete anche la possibilità di inserire una sezione “Link nella bio” sul profilo del vostro canale YouTube, che consente ai vostri follower di accedere ai link su cui volete che facciano clic quando visitano il vostro profilo.

Il funzionamento è molto simile a quello della funzione “Link in Bio” di Instagram, che gli autori possono utilizzare per indirizzare i propri follower verso determinati siti web che desiderano far visitare.

Un metodo più efficace per i link su YouTube

I truffatori e gli spammer stanno diventando sempre più inventivi nei loro tentativi di rubare denaro e informazioni agli utenti incauti, come ha dichiarato YouTube, che quindi è stato costretto a prendere misure proattive per proteggere i suoi utenti.

YouTube ha assicurato che esiste un modo per consentire ai vostri fan di continuare a visualizzare i link alle vostre altre pagine, contribuendo al contempo ad aumentare la sicurezza. Questo nonostante il fatto che questa mossa possa risultare scomoda per alcuni fornitori di contenuti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.