Il fenomeno della pirateria musicale sta esplodendo su YouTube!

Le visite ai siti di pirateria musicale sono cresciute del 13% l’anno scorso, secondo un nuovo rapporto. La maggior parte di esse coinvolgeva siti che permettono di scaricare audio dagli URL di YouTube.

Cari amici di TuttoYouTube, i tempi della pirateria musicale sembravano passati, invece a quanto pare sembrano ritornati in auge!

In questo articolo cercheremo di capire cosa spinge le persone a scaricare illegalmente musica (nonostante i vari servizi di streaming) e cosa ha in serbo il team di YouTube per prevenire il download non autorizzato di musica. Buona lettura!

Questo fine settimana, dozzine di artisti sono pronti a scendere a Los Angeles per la 66esima edizione dei Grammy Awards. Trevor Noah racconterà barzellette, i musicisti riceveranno trofei e da qualche parte su Internet, qualcuno scaricherà la loro musica gratuitamente.

L’anno scorso ci sono state più di 17 miliardi di visite a siti Web di pirateria musicale in tutto il mondo, con uno sbalorditivo aumento del 13% rispetto al 2022, secondo la società di ricerca Muso. Dopo anni di calo della pirateria musicale causata da servizi di streaming come Spotify e Apple Music, l’aumento è in qualche modo sorprendente.

Secondo il rapporto di Muso, l’aumento mostra “un urgente bisogno per l’industria di comprendere i cambiamenti che continuano a spingere i consumatori verso canali senza licenza”.

La pirateria musicale è generalmente in declino negli ultimi sette anni, in gran parte perché gli artisti e le etichette hanno smesso di offrire album esclusivi a determinate piattaforme musicali, afferma il CEO di Muso Andy Chatterley. Nel 2016, album come Lemonade di Beyoncé e Blonde di Frank Ocean venivano pubblicati in esclusiva su Tidal o Apple Music e poi venivano piratati da persone che non utilizzavano quei servizi. A seguito di una missiva del CEO di Universal Music Group, Ludcian Grainge, che denunciava la pratica, le esclusive si sono spente. Lo stesso vale per la pirateria. Ora è tornato in grande stile.

LEGGI ANCHE:  YouTube: Stop ai Video per Bambini Generati dall'IA

Il ritorno della Pirateria Musicale

Chatterley afferma che ci sono molteplici fattori che causano la rinascita, ma suggerisce che in alcuni casi è una questione di persone che non sono in grado di permettersi servizi di streaming musicale. In altri casi è una questione di costi dei dati mobili elevati in alcune regioni, che portano le persone a scaricare brani sui loro telefoni tramite Wi-Fi piuttosto che trasmetterli in streaming su una connessione dati mobile.

Una statistica particolarmente sorprendente nelle scoperte di Muso ha rilevato che:

Rispondendo alla domanda sui risultati raccolti dalla MUSO, ( società specializzata nel monitoraggio della pirateria digitale) , il portavoce di YouTube Jack Malon ha dichiarato che non appena il servizio di condivisione video viene informato riguardo agli strumenti di stream-ripping, vengono attuate azioni per bloccare i domini offensivi e sviluppare metodi tecnici per prevenirne l’utilizzo. YouTube dispone anche di un team dedicato all’invio di avvisi di cessazione e desistenza a coloro che sono dietro a tali applicazioni.

LEGGI ANCHE:  YouTube: da oggi, l'IA selezionerà la pubblicità

Investiamo risorse significative in strumenti per segnalare e gestire il materiale protetto da copyright, collaborando strettamente con altri leader del settore per stabilire uno standard su come le aziende tecnologiche affrontano la pirateria”, rimaniamo impegnati nel rafforzare costantemente questi sforzi”, ha affermato Malon.

Il Mistero dei Siti di Ripping

La compagnia MUSO non ha voluto rivelare quali siti di ripping ha monitorato per il suo ultimo rapporto. Chatterley afferma che queste informazioni vengono trattenute per non promuovere i servizi di pirateria. Inoltre, l’azienda non ha rivelato di quanti download fossero responsabili i siti di ripping. Per fornire un contesto, Chatterley ha offerto i numeri dei torrent per il 2023.

Prendiamo, ad esempio, Taylor Swift. L’onnipresente fenomeno è in lizza per sei Grammy questo fine settimana e, sebbene non abbia pubblicato un nuovo album nel 2023, ha avuto sei dei primi 20 dischi più venduti negli Stati Uniti. La sua uscita di 1989 (Taylor’s Version), la versione riregistrata del suo potente disco pop del 2014, ha venduto circa 2,9 milioni di copie, l’album più venduto di qualsiasi anno in quasi un decennio. Lo stesso album è stato scaricato via torrent più di 275.000 volte. (La versione originale del 2014 dell’album è stata scaricata via torrent 430.077 volte.)

Anche gli altri album che Swift aveva in quella top-20 hanno visto un gran numero di torrent. Come le Midnights del 2022. Questo record è stato scaricato via torrent più di 493.000 volte l’anno scorso. In effetti, la maggior parte degli album più popolari di Swift – Speak NowRedFolkloreLoverEvermore – sono stati scaricati via torrent tra le 400.000 e le 700.000 volte.

LEGGI ANCHE:  Come abilitare la modalita scura per YouTube

Tutto sommato, gli album di Swift sono stati scaricati via torrent meno di 5 milioni di volte nel 2023, il che sembra una cifra piccola se si considera che Swift ha venduto 19 milioni di dischi solo negli Stati Uniti in quel periodo, secondo i dati di Luminate. Poi ti ricordi che i torrent sono la frazione più piccola della pirateria musicale in tutto il mondo; Solo il 3% circa delle visite ai siti di pirateria in tutto il mondo ha portato qualcuno a cercare un torrent.

E ora la pirateria sembra essere di nuovo in aumento. È passato quasi un quarto di secolo da quando Napster ha cambiato il modo in cui le persone acquisiscono la musica. In quel periodo, sono emerse decine di opzioni su come acquistare e riprodurre in streaming i brani, ma prenderli da Internet potrebbe non scomparire mai.

Lascia un commento

Your email address will not be published.