YouTube rinvigorisce il mondo dell’agricoltura!

 Gli agricoltori stanno trovando modi creativi per far conoscere l’agricoltura ai giovani.

Ben trovati amici di TuttoYouTube! L’attuale cronaca italiana ha messo in luce l’importanza cruciale dell’agricoltura nella nostra società. La protesta in corso da parte dei coltivatori evidenzia il fatto che il settore agricolo costituisce il fondamento essenziale per la nostra alimentazione.

Storicamente, l’agricoltura ha provveduto al sostentamento delle comunità globali. Tuttavia, attualmente, vi è una mancanza di consapevolezza tra i giovani riguardo al ruolo fondamentale svolto dall’agricoltura nella nostra società.

Oggi Tara, coltivatrice Australiana e John Bruce ,allevatore del Galles, sono diventati i pionieri dell’ “Agfluencer”, ossia gli agri influencer. L’obiettivo degli Agfluencer consiste nel promuovere e avvicinare i giovani al settore agricolo attraverso la piattaforma di YouTube. Conosciamo meglio questa nuova iniziativa, Buona Lettura!

Dal John Deere a YouTube.

Tara, agricoltrice diventata YouTuber di successo con TaraFarms, si ritrova a definire termini come ‘ute’, un aspetto inaspettato ma integrante della sua vita. Inizialmente orientata verso video comici e atmosferici, la sua autenticità agricola ha suscitato l’interesse del pubblico, che ha iniziato a richiedere sempre più contenuti legati all’agricoltura. “A quanto pare, c’è una crescente curiosità nel dare un’occhiata al suo mondo agricolo.” ha dichiarato.

Tara, la cui identità completa è mantenuta riservata, ha trascorso la sua infanzia nella fattoria di famiglia specializzata in pecore e cereali nel sud-ovest di Victoria. Con il suo fedele treppiede e il compagno Kelpie al seguito, Tara condivide la sua vita agricola con quasi 200.000 abbonati su YouTube, documentando tutto, dagli agnelli alle pecore ai trattori guasti.

LEGGI ANCHE:  YouTube in background: Come fare?

Approfondire la conoscenza della realtà agricola.

John Bruce, noto come “JB” tra i suoi colleghi agricoltori, gestisce un vasto allevamento di 1.000 ettari nel sud del Nuovo Galles del Sud. La sua incursione nel mondo dei media è avvenuta in modo casuale. “Mi stavo allenando per una gara motociclistica e durante le sessioni sulla spin bike, che richiedevano un bel po’ di tempo seduto, ho iniziato a esplorare YouTube, cercando anche contenuti legati alle fattorie. Tuttavia, ho notato la mancanza di materiale australiano”, ha dichiarato Bruce.

Dopo essersi distaccato dagli incarichi ufficiali nel settore, Bruce ha deciso di sperimentare con YouTube. “Cerco di pubblicare un paio di video a settimana, e sono abbastanza grezzi perché volevo mostrare alle persone giorno dopo giorno come funziona una fattoria mista, devi mostrare sia il lato positivo che quello negativo… Dopotutto, non tutto è rose e fiori“, ha spiegato.

Ha ammesso di non aver ancora decifrato il codice per creare video virali. “Abbiamo video in cui ci limitiamo a imballare il fieno, tosare le pecore o rovesciare accidentalmente un’irroratrice a braccio, e hanno ottenuto una vera visibilità, quindi è difficile prevedere cosa sarà popolare”, ha aggiunto JB.

LEGGI ANCHE:  YouTube contro i deepfake generati dall'AI

Promuovere l’accesso dei giovani al settore agricolo attraverso l’utilizzo dei social media.

Tara e Bruce si uniscono a una crescente schiera di agricoltori che si affidano a piattaforme online come YouTube, TikTok e Instagram. Lavinia Wehr, fondatrice di Agsocial, ha notato che sempre più agricoltori stanno cercando di rendere l’agricoltura accessibile. “Abbiamo assistito a una transizione verso i media digitali, in particolare i social media, probabilmente negli ultimi cinque anni”, stiamo vedendo numerosi video agricoli diventare virali grazie alla conoscenza e all’interazione che offrono”. ha affermato Lavinia Wehr.

Tuttavia, Tara ha notato che la maggior parte degli agricoltori australiani è stata lenta ad aderire alla tendenza. “Soprattutto in Australia, c’è una scarsità di persone che creano contenuti legati all’agricoltura, il mio pubblico è per lo più americano, e nonostante le somiglianze nel settore agricolo, non è la stessa cosa” ha affermato Tara.

Attraverso i suoi video pratici e conversazionali, Tara sta raggiungendo un pubblico chiave: le giovani donne. “Oltre il 50% del mio pubblico è composto da donne, in prevalenza tra i 25 e i 34 anni”, ha condiviso. Nonostante l’approccio minimale all’editing, i video di Bruce hanno attirato un pubblico eterogeneo.

“La distribuzione è piuttosto equa tra diverse fasce d’età, ma la maggior parte dei miei spettatori sono uomini, con poche donne. Inoltre, la maggior parte proviene dall’Australia, con alcuni spettatori negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda e in altri paesi”, ha ribadito Bruce.

LEGGI ANCHE:  Allarme crypto truffe su YouTube: di tutto e di più...fidarsi e bene...non farlo e forse meglio?

La nascita degli “agfluencer”

Tara e Bruce stanno anche generando un modesto reddito dalla loro base di abbonati, trasformandolo in un inaspettata entrata economica secondaria.

Mentre piattaforme come TikTok mantengono la loro popolarità, alcuni “agfluencer” stanno preferendo produrre contenuti più lunghi. Tara sostiene che questa scelta rende i video più accessibili agli spettatori e agli agricoltori che conducono una vita frenetica. “Piuttosto che scorrendo attraverso contenuti brevi, è possibile guardare un video più lungo mentre si lavano i piatti, si fa il bucato o, nel mio caso, si è seduti sul trattore”, ha spiegato.

La signora Wehr ha sottolineato che i media a lunga durata, come YouTube, offrono un’opzione versatile per gli agricoltori. “I contenuti brevi sono utili per ottenere coinvolgimento iniziale”, ha aggiunto.”

In conclusione Bruce ha dichiarato:

“Attraverso un video di 30 minuti, possiamo veramente conoscere i numerosi grandi pastori e coltivatori, permettendo loro di condividere ciò che accade nella loro azienda con coloro che sono dentro e fuori dal settore

“Attualmente, molte persone stanno condividendo apertamente ciò che fanno, il che è davvero positivo. L’agricoltura australiana ha una storia affascinante da raccontare, e dobbiamo semplicemente fare la nostra parte nel condividerla”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.