YouTube Select, troppi link non funzionanti

Molti utilizzatori di YouTube Select dichiarano che i loro resoconti post-campagna pubblicitaria sono disseminati di collegamenti inesistenti.

Cari Lettori di TuttoYoutube, in questo articolo parleremo delle segnalazioni effettuate da alcuni utilizzatori di YouTube che affermano che nel visualizzare i rapporti delle campagne pubblicitarie hanno notato la presenza di molti link non esistenti.

Nel 2020, Google ha lanciato YouTube Select come un modo per gli acquirenti di accedere all’inventario premium di YouTube, compresi i canali di punta e YouTube TV.

Dopo le campagne pubblicitarie, YouTube invia rapporti agli acquirenti con link per esaminare i contenuti in cui sono stati pubblicati gli annunci. Tuttavia, alcuni acquirenti sostengono che la maggior parte dei loro rapporti su YouTube Select conteneva link non funzionanti, impedendo loro di verificare lo status “premium” della maggior parte dell’inventario acquistato.

LEGGI ANCHE:  YouTube meglio di CNN e BBC, come fonte di informazioni?

Questo porta gli inserzionisti ad affrontare un altro problema di trasparenza sulla piattaforma Google, da aggiungere a una lista in continua espansione.

Come previsto, le società di banda larga e via cavo hanno incluso lo streaming supportato da pubblicità nei pacchetti TV, seguendo il precedente stabilito da Charter e Disney questo autunno.

La scorsa settimana, Verizon ha annunciato piani per offrire Max (il servizio di streaming consolidato di Warner Bros. Discovery) e Netflix come pacchetto scontato a $ 10 al mese, secondo il Wall Street Journal. Normalmente, entrambi i servizi costano $ 17 al mese per chi li ha entrambi.

Questa mossa da parte di Verizon segna la prima volta che Netflix con pubblicità è disponibile tramite Verizon, evidenziando l’interesse degli streamer nei pacchetti di pay TV: una distribuzione più ampia aiuta ad attirare più abbonati per i nuovi servizi AVOD che stanno ancora costruendo la loro base di utenti.

Molti di questi servizi sono ancora nuovi. Netflix e Disney+, con supporto pubblicitario, hanno solo un anno di vita, mentre Max è stato lanciato a maggio.

Inoltre, i servizi di raggruppamento aiutano i distributori a ridurre il tasso di disconnessione del cavo o la perdita di abbonati a favore dei concorrenti. Secondo Verizon, ha ridotto il tasso di disconnessione fino al 70% raggruppando altri servizi di streaming attraverso un unico abbonamento.

LEGGI ANCHE:  25 statistiche di YouTube sorprendenti: Edizione 2021

Google ha intentato una causa contro tre hacker che hanno creato pagine false con nomi come “Google AI” e “AIGoogleBard” utilizzate per promuovere post e pubblicare annunci fraudolenti su Facebook, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal.

Gli annunci, che incoraggiano gli utenti a scaricare Bard, il chatbot AI generativo di Google, servono come esca per una truffa malware mirata ai proprietari di piccole imprese al fine di rubare le password dei loro account sui social media. Il vero Bard è basato sul web e non richiede alcun download.

Dopo aver infettato i dispositivi con malware e ottenuto accesso alle credenziali di accesso ai social media di un’azienda, i truffatori utilizzano gli account compromessi per diffondere ulteriori annunci infetti da malware. Google ha inviato circa 300 richieste di rimozione di annunci a Facebook.

Questa truffa rappresenta l’ultimo tentativo di diffusione di malware che Facebook ha affrontato quest’anno e non è neppure il primo a proporre il download di uno strumento di intelligenza artificiale generativa basato sul web. A maggio, Meta ha dichiarato di aver bloccato più di 1.000 URL correlati alle truffe di ChatGPT.

Google versa ad Apple il 36% delle entrate provenienti dagli annunci di ricerca visualizzati su Safari, X, ex Twitter, ha erogato quest’anno circa 3.000 dollari di entrate pubblicitarie a un account pro-Hitler.

LEGGI ANCHE:  Come trovare idee per il tuo blog da YouTube

Non sorprende, dunque, che la maggior parte degli inserzionisti abbia abbandonato X, con un crollo delle entrate mensili di quasi il 60% su base annua. Tuttavia, alcuni sono rimasti fedeli grazie ai prezzi convenienti della piattaforma sotto pressione.

In conclusione, questo percorso nel mondo digitale ha rivelato una serie di sfide e opportunità uniche. Dall’introduzione di YouTube Select da parte di Google alle strategie coraggiose di Verizon nel settore dello streaming, emergono dinamiche complesse e mutevoli. L’incidenza di link non funzionanti nei rapporti post-campagna su YouTube Select solleva interrogativi sulla trasparenza, sottolineando l’importanza di affrontare le sfide nella fornitura di servizi di qualità. La recente azione legale di Google contro hacker su Facebook evidenzia l’urgenza di difendere la sicurezza digitale.

Crediti: Per questo articolo ci siamo ispirati ad un testo originale pubblicato su adexchanger.com

Lascia un commento

Your email address will not be published.