YouTube, sfatati i miti sull’algoritmo

YouTube smaschera i miti riguardanti il suo algoritmo di raccomandazione in una recente intervista con il capo del team di sviluppo.

Bentrovati cari lettori di TuttoYouTube, in questo articolo cercheremo di entrare in profondità nel favoloso e stravagante mondo di YouTube. Oggi parleremo della forza trainante di YouTube, ossia il suo algoritmo. Buona lettura!

YouTube ha di recente rilasciato un video informativo volto a smontare i miti e le concezioni errate comuni tra i creator riguardo al funzionamento dell’algoritmo di raccomandazione di YouTube.

Nel video della durata di 12 minuti, è Todd Beaupré, a capo del team di crescita e scoperta di YouTube, ad essere intervistato da Renee Richie, collaboratrice di YouTube per i creator.

Capire l’algoritmo

L’algoritmo di raccomandazione di YouTube si focalizza sull’analisi di ogni singolo video anziché sulla media delle performance dell’intero canale.

Beaupré ha chiarito: “In gran parte, l’algoritmo di Discovery mette maggiormente l’attenzione su singoli video”.

Quest’approccio consente all’algoritmo di garantire agli utenti un’esperienza visiva altamente personalizzata. Inoltre, offre ai creatori la flessibilità di sperimentare con vari formati video senza preoccuparsi di impatti negativi sulla visibilità complessiva del loro canale nelle raccomandazioni algoritmiche.

A questo proposito, Beaupré ha sottolineato che le prestazioni inferiori di un singolo video non comprometteranno in modo irreversibile il successo generale del canale.

LEGGI ANCHE:  YouTube: Attenzione alle nuove truffe!

“Se il tuo ultimo video non è stato così eccezionale e il tuo prossimo video è fantastico, vogliamo realizzare il potenziale di ogni video“, ha affermato Beauprè.

L’algoritmo è al servizio degli spettatori, non dei video.

Beaupré ha discusso un’ipotesi prevalente tra i creatori di contenuti per quanto riguarda l’algoritmo di raccomandazione di YouTube.

“Molti creatori pensano che YouTube stia spingendo i video a un gruppo di persone, ma in realtà è più il contrario”, ha affermato Beauprè.

Nessuna “zona di penalità” per i creatori.

Durante la conversazione, si è affrontato il timore che gli algoritmi possano penalizzare i canali per eventuali interruzioni o cali di visualizzazioni.

Beaupré ha chiarito che l’algoritmo è progettato per associare ciascun video al suo pubblico potenziale, senza basarsi in modo eccessivo su provvedimenti punitivi o sull’eccessiva considerazione dei dati delle visualizzazioni passate.

“Il nostro obiettivo è quello di non enfatizzare eccessivamente i dati storici se tali dati non sono particolarmente predittivi delle prestazioni video future”, ha affermato Beaupré, sfatando il mito di una raccomandazione “Penalty Box”.

Durata e versatilità dei contenuti.

YouTube consiglia ai creator di non concentrarsi esclusivamente sull’analisi dei video appena caricati, poiché i consigli non sono limitati ai contenuti recenti.

LEGGI ANCHE:  MrBeast nega la vendita del suo canale a Disney

Beaupré ha osservato che i video possono guadagnare terreno se l’interesse si rinnova o le tendenze cambiano, quindi i creatori dovrebbero rimanere aperti alle opportunità al di là delle metriche immediate.

Seguire il pubblico

Nel corso della discussione sul bilanciamento tra i contenuti creati dai creatori e le preferenze del pubblico, Beaupré ha menzionato l’emergere di YouTube Shorts come esempio della risposta della piattaforma alle tendenze del pubblico.

“YouTube si sta concentrando sui video brevi perché il pubblico lo ha richiesto”, ha dichiarato Beauprè, spiegando che la richiesta del pubblico di contenuti più concisi ed avvincenti ha influenzato la strategia della piattaforma.

Analisi delle prestazioni

Beaupré ha suggerito di esaminare il modo in cui gli spettatori iscritti reagiscono ai video nel loro feed di iscrizione per comprendere meglio le prestazioni dei video.

Questi dati possono offrire informazioni dettagliate sull’impatto dei problemi di contenuto o della creazione di pacchetti sulle prestazioni.

Ha aggiunto: “A volte è difficile capire perché alcune cose hanno successo quando altre simili non lo sono”, riconoscendo la natura imprevedibile delle preferenze degli spettatori.

Conclusione

Dopo aver ascoltato questa intervista, il concetto fondamentale per i creatori è che l’algoritmo di YouTube non è lì per ostacolarli. Sta lavorando per proporre i video giusti alle persone giuste al momento opportuno.

LEGGI ANCHE:  Ecco come Google tratterà gli account inattivi (aggiornamento importante)

Se un video non ottiene successo immediato, non preoccuparti. L’algoritmo continuerà a operare per individuare il tuo pubblico. I creatori devono persistere nel creare contenuti che attirino gli spettatori.

L’algoritmo si adatta a ciò che gli spettatori desiderano vedere, non il contrario. Pertanto, studia il tuo pubblico, monitora le tendenze nella tua nicchia e offri alle persone ciò che desiderano se vuoi superare la concorrenza.

YouTube è alimentato dalle passioni delle persone. L’algoritmo contribuisce a allineare queste passioni tra creatori e spettatori. Continua a pubblicare, continua a migliorare e l’algoritmo proseguirà nel promuovere i tuoi contenuti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.