YouTube sta sviluppando l’Intelligenza Artificiale per farti emulare il tuo musicista preferito

Questa nuova tecnologia rivoluzionerà l’esperienza musicale online

Nel bel mezzo della proliferazione delle canzoni generate dall’intelligenza artificiale su Internet, YouTube si impegna ad essere pro attivo concedendo in licenza legale le voci degli artisti.

La piattaforma ha ideato uno strumento basato sull’intelligenza artificiale che sarebbe in grado di riprodurre le voci dei musicisti, consentendo ai fan di farli cantare come desiderano. Tuttavia, i negoziati con le principali etichette sembrano procedere a rilento.

Lo strumento di YouTube, attualmente privo di un nome, verrà lanciato utilizzando brani di artisti ottenuti tramite le rispettive etichette, secondo quanto riferito da un rapporto di Bloomberg. Le conversazioni riservate suggeriscono che lo strumento sia ancora lontano dall’essere rilasciato. Si dice inoltre che le principali etichette discografiche debbano ancora garantirsi i diritti dai loro gruppi di artisti.

YouTube aveva sperato di presentare lo strumento durante il suo evento “Made on YouTube” il mese scorso, secondo quanto riportato da Billboard. Le altre etichette coinvolte nelle discussioni includono Sony Music Entertainment, Universal Music Group e Warner Music Group.

YouTube non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento da parte di Gizmodo riguardo allo strumento vocale.

Il CEO di WMG, Robert Kyncl, ha affermato in precedenza che l’industria musicale dovrebbe abbracciare l’intelligenza artificiale. Kyncl ha anche un passato da ex dipendente di YouTube, avendo ricoperto il ruolo di capo degli affari dell’azienda per oltre un decennio.

LEGGI ANCHE:  UnTrue Crime: La Commedia Intrigante e Avvincente di ArtSpear Entertainment su YouTube

Si dice che YouTube stia cercando di mantenere un controllo stretto sul lancio della versione beta e che l’azienda consentirà solo a un gruppo selezionato di creatori di utilizzare lo strumento nei video, imitando le voci di un gruppo ristretto di artisti.

YouTube desidera inoltre che questi artisti fungano da consulenti del progetto, fornendo feedback sull’ulteriore sviluppo dell’intelligenza artificiale al di là di questo generatore vocale.

Attualmente, l’industria musicale è divisa su tutto questo discorso sull’intelligenza artificiale. Ad agosto, è emerso che Google e Universal Music Group erano in trattative per concedere in licenza le voci degli artisti per ricreare le loro voci con l’intelligenza artificiale attraverso un software.

Con questo strumento, i fan possono creare qualsiasi canzone desiderino utilizzando la voce del loro artista preferito, con l’artista che riceverà un compenso in quanto detentore dei diritti d’autore. Allo stesso modo, Google e UMG hanno promosso la loro partnership con YouTube, che vedrà gli artisti guidare l’approccio di YouTube alla gestione dei contenuti musicali generati dall’intelligenza artificiale.

I tentativi di UMG di cavalcare l’onda dell’Intelligenza Artificiale arrivano dopo che l’etichetta discografica ha chiesto a servizi di streaming come Spotify e Apple Music di interrompere l’addestramento dell’apprendimento automatico sui loro servizi. Alcuni artisti e produttori, tuttavia, vedono l’IA più come uno strumento che come una minaccia.

“L’intelligenza artificiale è la grande onda che sta arrivando contemporaneamente ovunque, suscitando molta paura e paranoia, ma allo stesso tempo è anche uno strumento potente”, ha dichiarato il produttore hip-hop Bobcat Goldwav a Gizmodo in un’intervista quest’estate.

LEGGI ANCHE:  YouTube Music Implementa l'Aggiunta di Podcast tramite RSS

“Cerco di non concentrarmi troppo sulla paura dell’inevitabile perché sono solo un produttore. Non posso fermare l’onda dell’intelligenza artificiale, ma posso provare a incorporarla nel mio set-up per permettermi di fare ciò che so fare meglio”.

Falsi brani musicali stanno proliferando su Internet. All’inizio di quest’anno, tracce trapelate attribuite a Frank Ocean sono state vendute su Discord per migliaia di dollari, solo per scoprire in seguito che quelle canzoni erano state completamente generate con l’intelligenza artificiale.

Nel frattempo, ad aprile, una collaborazione creata dall’intelligenza artificiale tra Drake e The Weeknd chiamata “Heart on My Sleeve” è diventata virale prima di essere rimossa dalle piattaforme di streaming.

Crediti: Per questo articolo ci siamo ispirati a un testo originale pubblicato su Forbes.

Lascia un commento

Your email address will not be published.