Come fare un video tutorial

Cosa fate quando dovete imparare qualcosa di nuovo? Molto probabilmente cercate dei video in YouTube. E non siete nemmeno i soli.
Indipendentemente dalla vostra professione, i video didattici sono il metodo di distribuzione migliore se intendete formare gli altri, espandere la vostra attività o creare un corso online.

Secondo una ricerca, le persone preferiscono guardare i video quando cercano risposte alle loro domande.

Potreste chiedervi: “Come faccio a creare video di formazione online?”.

Trovare il tempo per produrre contenuti video può essere difficile per molte piccole imprese, istruttori e imprenditori.
Per questo motivo siamo qui per aiutarvi. È molto più semplice di quanto si possa immaginare.
Questo manuale vi svelerà come produrre rapidamente eccellenti video di formazione e tutorial.
Vi spiegheremo esattamente cosa fare per creare filmati didattici e di presentazione, perché sappiamo cosa funziona (e cosa no).

Che cos’è un video didattico?

Qualsiasi filmato che illustri una procedura, trasmetta conoscenze, chiarisca un’idea o dimostri come fare qualcosa si qualifica come video didattico.
Non solo i progettisti didattici possono produrre video didattici. Chiunque, in qualsiasi settore, può realizzare video didattici e dovrebbe farlo.

Le forme più tipiche di video didattici sono le seguenti:

I microvideo; sono filmati educativi veloci che si concentrano sull’insegnamento di un singolo argomento specifico.

  • I video didattici, spesso noti come video “how-to”, sono lo strumento didattico preferito per spiegare una procedura o fornire istruzioni passo-passo.
  • I video di formazione; sono destinati a migliorare le competenze dei lavoratori sul posto di lavoro e spesso presentano persone reali per aiutare l’interazione tra educatore e discente.
  • I video esplicativi forniscono una spiegazione visiva e divertente di un concetto o di un prodotto aziendale. Tipicamente sintetici, aiutano a semplificare concetti complicati.
  • La registrazione di una lezione o di una presentazione consente al pubblico di accedere al materiale didattico e di studiarlo in seguito. Questi video durano in genere più a lungo dei video tutorial e richiedono più tempo da parte del pubblico.
  • Gli screencast sono filmati brevi e casuali, costituiti per lo più da catture di schermate, che hanno lo scopo di trasmettere conoscenze o istruire gli spettatori su come svolgere un compito specifico.

Si può notare che i video didattici hanno diversi nomi, ma tutti hanno lo stesso scopo.

Un video didattico, a differenza di altri tipi di video, insegna. Il vostro obiettivo principale è far sì che gli spettatori capiscano e imparino ciò che state insegnando loro, anche se non volete che i vostri video siano noiosi.

Errori tipici che si commettono quando si producono video

Errori tipici che si commettono quando si producono video

Ci sono alcuni errori frequenti che le persone commettono quando producono video didattici. Eccone alcuni semplici da evitare:

Primo errore: non riconoscere il proprio pubblico

Realizzare un video utile è praticamente impossibile se non si comprende il proprio pubblico di riferimento. Per esprimere giudizi importanti sui vostri video è necessario sapere chi state cercando di aiutare.
Sebbene le informazioni generali siano utili, immaginare una persona specifica che rappresenti il vostro pubblico e considerare i suoi problemi, le ragioni per cui guarderebbe il vostro video e le cose che gli piacciono e non gli piacciono vi aiuterà a creare un filmato più mirato e approfondito.

Errore n. 2: cercare di rendere il video impeccabile

Ci sono persone che si preoccupano troppo spesso di rendere i loro filmati impeccabili. Tenete presente che la perfezione è un’illusione. Iniziare con la perfezione in mente potrebbe soffocare la creatività e rendere difficile andare avanti.

LEGGI ANCHE:  Come realizzare il tuo primo video per YouTube - Suggerimenti per i principianti

Tenete sempre presente che lo scopo di un filmato didattico è insegnare, non produrre un prodotto impeccabile.

Errore n. 3: preoccuparsi troppo dell’attrezzatura in uso

È facile sentirsi sovraccaricati e pensare di non avere le risorse necessarie per produrre video di alto livello.
È piacevole avere le attrezzature più nuove e migliori, ma non è necessario. Prima di iniziare a migliorare i vostri strumenti, imparate le basi.
Quando, più avanti in questo tutorial, vi mostreremo gli strumenti che utilizziamo per produrre video eccellenti, dimostreremo che non avete bisogno di attrezzature costose per ottenerli.

Il programma più efficace per la produzione di video didattici

Se non avete mai creato un video didattico prima d’ora, può essere difficile scegliere il programma migliore per l’acquisizione di schermate e il montaggio video. Le scelte disponibili sono molte!

Se si desidera un’applicazione per la cattura dello schermo e l’editing video che sia semplice da usare e non richieda abilità avanzate di editing video, sopratutto per chi è alle prime armi, suggeriamo TechSmith Camtasia.

Per creare qualsiasi tipo di video didattico, Camtasia è fantastico. Inoltre, forniscono una tonnellata di utili tutorial per aiutare chi è alle prime armi appunto a iniziare.

Iniziate subito scaricando una prova gratuita di Camtasia! E poi da li se vi ci trovate potete passare alla versione premium che vi da più funzioni utili.

Come realizzare un video didattico

Un piano ben studiato è la chiave per creare un fantastico video didattico. La realizzazione di un piano per il vostro video didattico in anticipo è essenziale per il suo successo.

Di seguito sono elencati gli aspetti cruciali per la produzione di un fantastico video didattico:

  • Fase 1: Determinare e conoscere il proprio pubblico.
  • Fase 2: scrivere uno storyboard e una sceneggiatura
  • Fase 3: registrare la narrazione
  • Fase 4: registrare lo schermo o catturare il video
  • Fase 5: modificare il video
  • Fase 6: Aggiungere un’introduzione video
  • Fase 7: Condividere il video

Fase 1: Determinare e conoscere il pubblico di riferimento

Prima di pensare di premere il pulsante di registrazione, dovete conoscere il vostro pubblico di riferimento e capire perché ha bisogno di assistenza.

Se offrite un prodotto o un servizio, chiedete ai vostri utenti come lo utilizzano e quali problemi incontrano. Se siete l’istruttore di un corso, scoprite quali sono le conoscenze o le competenze che i vostri allievi desiderano acquisire.

Anche se può essere una tentazione, NON saltate questa fase iniziale. È fondamentale includere queste informazioni nel vostro schema anche se siete esperti del vostro pubblico. Assicuratevi di poter rispondere alle seguenti domande prima di passare alla fase successiva:

  • Qual è l’argomento? I vostri video didattici saranno più mirati e meno difficili da realizzare se sceglierete di affrontare un solo argomento per video.
  • Chi è il vostro mercato di riferimento? Prima di prendere in considerazione gli interessi, i problemi e le aspirazioni di una persona, scoprite alcuni dettagli demografici su di essa, come l’istruzione, l’età, l’appartenenza a organizzazioni professionali, ecc.
  • Perché questo argomento è importante per il vostro pubblico? Potete rispondere in modo più efficace alle preoccupazioni del vostro pubblico se sapete perché guardano il video.
  • Qual è l’obiettivo del video in termini di apprendimento? Se avete un obiettivo di apprendimento chiaro, potete fornire istruzioni più semplici con conseguenze più realistiche.
  • In che modo la visione del video aiuterà gli spettatori? Se qualcuno si prende il tempo di vedere il vostro filmato, cosa imparerà da esso?
LEGGI ANCHE:  I più Facili (e Legali) Convertitori da YouTube a mp3

Fase 2: scrivere uno storyboard e una sceneggiatura

Create uno storyboard per delineare e visualizzare ciò che intendete mostrare se avete un argomento e siete consapevoli del vostro pubblico.
È possibile sviluppare un video didattico che sia chiaro, conciso e coinvolgente per gli spettatori creando uno storyboard in anticipo.
Non è necessario essere un artista per creare immagini intricate; alcune persone sono semplicemente fantasiose.

Creare uno storyboard può essere facile come questo esempio:

scrivere uno storyboard e una sceneggiatura

Figure e schizzi veloci vanno bene per i video dal vivo. Utilizzate una sequenza di schermate semplici per illustrare ciò che intendete mostrare con la narrazione se intendete filmare lo schermo per mostrare il funzionamento di una procedura.

Il passo successivo consiste nello sviluppare una sceneggiatura una volta completato lo storyboard.

L’utilizzo di una semplice sceneggiatura vi consentirà di essere più efficaci e di risparmiare tempo a voi stessi e al vostro pubblico. Inoltre, non si rischia di dimenticare qualcosa.

È utile sincronizzare la narrazione con l’azione che si svolgerà nel video.

Ecco altri suggerimenti per la scrittura di sceneggiature che vi aiuteranno a iniziare:

  • Smettere di usare il gergo super tecnico. La vostra sceneggiatura sarà più semplice da capire se userete un linguaggio semplice, come se steste parlando della procedura a un amico.
  • VEDERE E DIRE. Dedicate del tempo a spiegare cosa state facendo e perché, piuttosto che limitarvi a riprodurre le vostre azioni sullo schermo.
  • Esercitarsi spesso e poi ancora. Prima di registrare, leggete il vostro copione ad alta voce. Se inciampate, tornate indietro e ricontrollate che stiate parlando in modo naturale.
  • Chiedere suggerimenti. Ottenere un feedback durante la stesura del copione del vostro video didattico può sembrare all’inizio intimidatorio, ma lo migliorerà e vi farà risparmiare tempo a lungo andare.

Fase 3: registrare la narrazione

Quando avete il vostro copione in mano, iniziate la registrazione della narrazione. Un’opzione fantastica è la funzione di registrazione vocale già inclusa e semplice da usare in Camtasia. TechSmithAudiate consente però di migliorare la registrazione della voce fuori campo e della narrazione. Mentre registrate, Audiate trascrive istantaneamente la vostra voce. Di conseguenza, è possibile modificare l’audio nello stesso modo in cui si modifica il testo in un documento.

Con Audiate, potete determinare esattamente cosa avete detto e dove, senza dover passare l’intera giornata a fissare una forma d’onda. Ancora meglio, Audiate individua e rimuove tutti gli “um”, gli “uh” e le altre pause per conto vostro.

Avete già registrato una voce fuori campo? Se la importate in Audiate, verrà trascritta automaticamente.

Il file audio modificato può essere salvato e importato direttamente in Camtasia. Il testo modificato può anche essere esportato come trascrizione o file SRT per le didascalie.

Il metodo migliore (e più semplice) per registrare i voiceover è Audiate, indipendentemente dal fatto che ci si senta a proprio agio nell’utilizzare un software di registrazione audio specializzato come Adobe Audition.

Come realizzare un video didattico

Quando è il momento di iniziare a registrare, parlate lentamente e chiaramente. Non ricominciate da capo se fate un errore. Subito dopo che vi accorgete di aver commesso l’errore, fate una pausa e poi ricominciate. Una volta terminata la registrazione, è possibile correggere eventuali errori.

LEGGI ANCHE:  Cosa serve per fare un video su YouTube

Fase 4: registrare il video

A seconda dell’argomento del video didattico, potrebbe essere necessario registrare una procedura come avviene sullo schermo, fare una dimostrazione reale o fare entrambe le cose.

Per la registrazione dello schermo per un video didattico vorrete assolutamente ottenere un video con uno schermo pulito e nitido, quindi seguite queste istruzioni.

Pulite lo schermo del computer da shorcut inutili o comunque invasivi e chiudete tutti i programmi indesiderati. Prima di iniziare la registrazione, disattivare le notifiche che potrebbero apparire.

Dopodiché, avviate il programma che desiderate registrare e provate a guidarlo ai vostri spettatori per alcune volte. Questo esercizio vi consentirà di ridurre la necessità di editing, perché sarete in grado di muovere il cursore in modo più fluido.

Aprite il registratore “Screencast” Camtasia e registrate la vostra schermata esattamente come avete fatto durante la pratica dopo alcune iterazioni. Ricordate di mettere in pausa e di ricominciare da dove avete lasciato se commettete un errore. In seguito, al momento dell’editing, sarete in grado di correggere i dettagli.

Scegliete un programma di cattura dello schermo o di screencasting con funzionalità integrate di registrazione, editing e condivisione. Potrete completare tutto il lavoro con un unico strumento, risparmiando tempo.

Fase 5. Modificare il video

La verità è che non servono costose apparecchiature di editing o molta esperienza per iniziare; contrariamente a quanto la maggior parte delle persone crede, non è necessario essere un abile montatore video per creare un video visivamente accattivante.

Ecco alcuni suggerimenti rapidi per migliorare i vostri video didattici:

  • Suddividere il clip se è necessario un tempo aggiuntivo per illustrare un punto, quindi utilizzare l’estensione del fotogramma per bloccare il video.
  • Aggiungete la velocità del clip, quindi spostate le maniglie per velocizzare una sezione noiosa del video.
  • Usare funzioni interattive per attirare l’attenzione su parti importanti del filmato, come richiami, frecce, forme, terze parti inferiori o movimenti di schizzo.

Anche se l’aggiunta di musica non è necessaria, può elevare anche i video migliori. Scegliete un tema positivo. Volete che il vostro pubblico si senta bene mentre impara da voi.

Passo 6. Aggiungere un’introduzione video

Per attirare il pubblico verso i vostri contenuti, utilizzate un’introduzione video, ma senza esagerare. Mantenete l’introduzione breve e concisa.

Il contenuto del video deve essere l’obiettivo principale per gli spettatori. A loro interessano solo le lezioni che avete promesso di impartire loro.

Un’introduzione efficace presenta l’argomento in modo dettagliato e riassume ciò che il pubblico può aspettarsi di imparare.

Utilizzando questo strumento online Flex Clip, è possibile produrre rapidamente e semplicemente un videoclip introduttivo.

Passo 7: Condividere il video

Infine, considerate la posizione del vostro video. Al giorno d’oggi sono disponibili numerosi servizi di video hosting.

È possibile pubblicare immediatamente il video su siti web di condivisione video come YouTube o Vimeo, oppure scaricarlo prima come file locale.
È consigliabile caricare i filmati educativi e didattici su YouTube perché cosi facendo sarà più facile anche condividere il vostro video con persone per ricevere un feedback prima di rilasciarlo al pubblico.

Questo feedback assicura che il video raggiunga i vostri obiettivi e che il vostro messaggio sia chiaro.

Realizzate i vostri video: In conclusione

Sia che siate principianti o professionisti esperti, ora avete imparato alcune delle tecniche e degli strumenti essenziali per realizzare filmati efficaci.

Lascia un commento

Your email address will not be published.