Google richiede i tuoi dati se guardi certi video

In due ordinanze del tribunale, il governo federale ha detto a Google di consegnare le informazioni su chiunque abbia visualizzato più video e livestream di YouTube. Gli esperti di privacy affermano che gli ordini sono incostituzionali.

Se ti sei mai chiesto scherzosamente se la tua cronologia delle ricerche o delle visualizzazioni sarà
inserita in una sorta di elenco, la tua preoccupazione potrebbe essere più che giustificata. Nei
documenti giudiziari ora non sigillati, a Google è stato ordinato di consegnare i nomi, gli indirizzi, i numeri di telefono e l’attività degli utenti degli account Youtube e degli indirizzi IP che hanno guardato determinati video di YouTube, parte di una più ampia indagine penale da parte degli investigatori federali.
I video sono stati inviati dalla polizia sotto copertura a un sospetto riciclatore di criptovalute con il
nome utente “elonmuskwhm“. Nelle conversazioni con il trader di bitcoin, gli investigatori hanno
inviato link a tutorial pubblici su YouTube sulla mappatura tramite droni e software di realtà
aumentata.

LEGGI ANCHE:  YouTube viaggia con te, ma con più sicurezza!


Gli investigatori federali hanno sostenuto che la richiesta era legalmente giustificata in quanto i dati
“sarebbero rilevanti e materiali per un’indagine penale in corso, anche fornendo informazioni di
identificazione sui colpevoli”
, citando la giustificazione utilizzata da altre forze di polizia in tutto il
paese. In un caso del New Hampshire, la polizia ha richiesto dati simili durante l’indagine sulle
minacce di bombe che venivano trasmesse in diretta su YouTube: l’ordine richiedeva specificamente informazioni sugli spettatori in determinati timestamp durante i live streaming.

“Con tutte le richieste delle forze dell’ordine, abbiamo un processo rigoroso progettato per
proteggere la privacy e i diritti costituzionali dei nostri utenti, sostenendo al contempo l’importante
lavoro delle forze dell’ordine .Esaminiamo ogni richiesta di validità legale, in linea con l’evoluzione della giurisprudenza, e respingiamo regolarmente le richieste generiche o comunque inappropriate di dati degli utenti, inclusa l’obiezione completa ad alcune richieste”
, ha dichiarato il portavoce di Google Matt Bryant.

Gli esperti di privacy, tuttavia, sono preoccupati per il tipo di precedente creato dall’ordine dell
corte, citando preoccupazioni sulle protezioni del primo e del quarto emendamento.

“Questo è l’ultimo capitolo di una tendenza inquietante in cui vediamo le agenzie governative trasformare sempre più i mandati di perquisizione in reti a strascico digitali”, ha detto alla pubblicazione il direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project Albert Fox-Cahn.

“È incostituzionale, è terrificante e sta accadendo ogni giorno”, ha aggiunto.

LEGGI ANCHE:  Ecco come Google tratterà gli account inattivi (aggiornamento importante)


I sostenitori hanno chiesto a Google di essere più trasparente sulle sue politiche di condivisione dei
dati per anni, con timori alimentati dai continui arresti aperti di manifestanti e dalla strisciante
criminalizzazione dell’aborto in tutto lo stato.


A dicembre, Google ha aggiornato le sue politiche sulla privacy per consentire agli utenti di salvare
i dati sulla propria posizione direttamente sui propri dispositivi piuttosto che sul cloud, e ha ridotto
il tempo di conservazione per tale archiviazione: le nuove politiche hanno anche indirettamente
ostacolato la soluzione investigativa a lungo utilizzata in cui i funzionari delle forze dell’ordine
utilizzano i dati sulla posizione di Google per individuare i sospetti.


Google è stata portata in tribunale per tali preoccupazioni nell’ultimo anno, tra cui due casi della Corte Suprema dello Stato che circondano la costituzionalità dei mandati di ricerca per parole chiave, che costringono i siti a consegnare i dati di ricerca su Internet di un individuo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.