Bard ora guarda i video su YouTube per te

L’estensione di Bard su YouTube può ora gestire richieste complesse riguardanti contenuti video specifici, come dettagli sulle quantità di ricette e riepiloghi delle istruzioni.

Cari lettori di TuttoYouTube, appassionati di tecnologia e innovazione, oggi parleremo dell’affascinante mondo di Bard, il chatbot AI di Google, che sta rivoluzionando la nostra esperienza su YouTube. L’ultimo aggiornamento di Bard ci ha condotti alla scoperta della ricetta per l’Espresso Martini di America’s Test Kitchen, svelando un nuovo modo di accedere rapidamente a dettagli chiave senza navigare attraverso paywall e annunci pubblicitari. Scopriamo insieme come Bard sta cambiando il gioco e cosa ci riserva il futuro di questa innovativa integrazione su YouTube.

Bard, il chatbot AI di Google, ha migliorato la sua utilità dopo un inizio modesto. L’integrazione di YouTube del bot è ora potenziata, consentendogli di analizzare video per estrarre informazioni specifiche, come punti chiave o ingredienti delle ricette, senza avviare la riproduzione. Un potenziale strumento molto utile, ma con possibili implicazioni per i creatori di IA generativa, come segnalato da Android Authority.

Per testarlo, Bard è stato utilizzato su un video di YouTube che spiega la ricetta di America’s Test Kitchen per un Espresso Martini. Il risultato è stato positivo! Spesso ti trovi in cucina con metà degli ingredienti nello shaker, cercando di ricordare quanto Benedictine devi aggiungere e sei costretto a riguardare il video per scoprirlo. Ma con Bard in azione, basta digitare alcuni suggerimenti e voilà: potrai ottenere l’elenco completo degli ingredienti e istruzioni passo passo.

LEGGI ANCHE:  YouTube Shorts Ti Aiuta a Trovare Nuovi Clienti

Bard ha catturato perfettamente tutti gli aspetti critici nel riassumere il video: ingredienti e misure sono accurati, le istruzioni sono corrette. Include persino il primo passo di raffreddare il bicchiere da martini con ghiaccio e acqua. L’unico dettaglio leggermente fuori sincrono con l’obiettivo è l’affermazione di agitare la bevanda per 30 secondi; il video non sembra suggerire una durata così lunga,ma nel complesso Bard ha fatto un ottimo lavoro.

Fino a questo punto tutto sembrava andare perfettamente, ma un piccolo problema è emerso. America’s Test Kitchen ha già pubblicato l’intera ricetta sul suo sito web, ma è dietro un paywall, come molti dei loro contenuti. La descrizione del video su YouTube non include la ricetta.

Attualmente, questa funzione è disponibile solo come esperienza opt-in di Labs e richiede un po’ di sforzo per ottenere la risposta desiderata. Se provi a chiedere la ‘ricetta completa’ dal video, Bard non è ancora in grado di generare nulla. Tuttavia, chiedendo ‘istruzioni passo passo’ in un prompt successivo, fornirà l’intera ricetta.”

LEGGI ANCHE:  YouTube: Nuovi stimoli per la crescita dei canali

Con così tanta resistenza, al momento non sembra esserci un pericolo immediato per la strategia di YouTube di America’s Test Kitchen (ATK). Tuttavia, non è difficile immaginare un futuro in cui questo strumento esista direttamente su YouTube, suscitando una discussione su come il valore dell’estrazione del contenuto video da parte di Bard possa beneficiare i creatori: al momento, l’unico vantaggio evidente è per Google.

Sebbene non sia una novità per l’IA generativa, è una questione a cui tutti nel settore, inclusa Google, devono ancora rispondere. Abbiamo contattato Google per ottenere chiarimenti e aggiorneremo questo articolo con la loro risposta. Indipendentemente da ciò, se Google vuole mantenere i creatori di YouTube felici e produttivi sulla piattaforma, dovrà affrontare questa sfida in modo efficace.

In conclusione, il viaggio attraverso le potenzialità di Bard su YouTube ci ha regalato una prospettiva molto interessante sulle nuove frontiere della tecnologia. L’accesso rapido e intelligente alle informazioni nei video apre porte sorprendenti, ma, allo stesso tempo, sorge la riflessione sulla sostenibilità per i creatori di contenuti. Bard rappresenta un balzo in avanti nell’era dell’intelligenza artificiale, ma il dibattito sull’equilibrio tra comodità e valore per i produttori di contenuti continua. Restiamo connessi mentre esploriamo insieme il futuro di questa affascinante sinergia tra intelligenza artificiale e piattaforme video. Sicuramente ritorneremo a parlare di questa importante funzionalità! A presto.

LEGGI ANCHE:  YouTube: videogiochi, attenzione ai malware!

Crediti: Per questo articolo ci siamo ispirati ad un testo pubblicato su The Verge.

Lascia un commento

Your email address will not be published.