YouTube risponde a domande frequenti dei suoi utenti sui contenuti “bordeline”

Definizione di contenuti borderline

La questione dei contenuti “borderline” sulle piattaforme dei social media riguarda la categorizzazione dei discorsi che non sono coperti dalle restrizioni alla libertà di espressione ma sono considerati indesiderabili nel discorso pubblico. In generale, la frase “borderline” si riferisce a una “posizione o stato che non è né completamente classificabile come una cosa né il suo polo opposto”.

Implica che è abbastanza simile a una cosa pur essendo parte di un’altra, e che è improbabile che venga descritta senza entrambe. Sebbene questa combinazione possa sembrare comune in molte circostanze sociali, l’idea fondamentale che un’azione non possa essere “completamente classificata” in giurisprudenza è relativamente rara.

Un’azione può essere vietata o addirittura illegale in base a determinati requisiti legali. La legge stabilisce i confini della legalità, anche per la parola. Se un’affermazione di pensiero non è vietata ma è classificata come “borderline”, significa che è pericolosamente vicina all’essere illegale ma non lo è. La presunzione di innocenza è una buona analogia: l’imputato si presume innocente fino a prova contraria, ma potrebbe già essere colpevole nella società perché sospettato.

I contenuti borderline ottengono il maggior coinvolgimento?

In realtà, attraverso sondaggi e feedback, abbiamo scoperto che la maggior parte degli spettatori non vuole che vengano raccomandati contenuti borderline, e molti li trovano sconvolgenti e scoraggianti. Infatti, quando abbiamo degradato contenuti salaci o di tipo tabloid, abbiamo visto che il tempo di visione è effettivamente aumentato dello 0,5% nel corso di 2,5 mesi, rispetto a quando non abbiamo posto alcun limite.

Inoltre, non abbiamo visto prove che il contenuto borderline sia in media più coinvolgente di altri tipi di contenuto. Considerate i contenuti dei flat earthers. Mentre ci sono molti più video caricati che dicono che la Terra è piatta rispetto a quelli che dicono che è rotonda, in media, i video sulla terra piatta ottengono molte meno visualizzazioni.

LEGGI ANCHE:  YouTube, gli hacker eludono la protezione 2FA
la frase "borderline" si riferisce a una "posizione o stato che non è né completamente classificabile

I sondaggi mostrano che i contenuti borderline soddisfano solo una porzione molto piccola di spettatori su YouTube. Abbiamo investito molto tempo e denaro per assicurarci che questi contenuti non arrivino a un pubblico più ampio attraverso il nostro sistema di raccomandazioni.

Oggi, il contenuto borderline ottiene la maggior parte delle sue visualizzazioni da fonti diverse dalle raccomandazioni non sottoscritte.

Nel 2019 abbiamo iniziato a degradare i contenuti borderline nelle raccomandazioni, con un conseguente calo del 70% del tempo di visione sui contenuti borderline non abbonati e raccomandati negli Stati Uniti.

I contenuti borderline fanno crescere il watchtime per YouTube?

Per la stragrande maggioranza delle persone, i contenuti borderline non soddisfano quell’asticella del tempo ben speso su YouTube. Ecco perché nel 2019 abbiamo iniziato a degradare i contenuti borderline nelle raccomandazioni, ottenendo un calo del 70% del tempo di visione sui contenuti borderline non sottoscritti e raccomandati negli Stati Uniti.

Oggi, il consumo di contenuti borderline che provengono dalle nostre raccomandazioni è significativamente inferiore all’1%.

I contenuti YouTube borderline ottengono il maggior coinvolgimento_

Le raccomandazioni spingono gli spettatori verso contenuti sempre più estremi?

Come ho spiegato, noi degradiamo attivamente le informazioni di bassa qualità nelle raccomandazioni. Ma facciamo anche il passo ulteriore di mostrare agli spettatori video autorevoli su argomenti che potrebbero interessarli. Diciamo che guardo un video sul vaccino COVID-19. Nel mio pannello Up Next, vedrò video da fonti rispettabili come Vox e Bloomberg Quicktake e non vedrò video che contengono informazioni fuorvianti sui vaccini (nella misura in cui il nostro sistema può rilevarle).

Accanto a queste notizie COVID-19 e ai video esplicativi, otterrò anche raccomandazioni personalizzate da altri argomenti basati sulla mia cronologia di visione – uno sketch del Saturday Night Live o un discorso TEDx sull’effetto Super Mario. Questa diversità personalizzata aiuta gli spettatori ad accedere a nuovi soggetti e formati rispetto allo stesso tipo di video più e più volte.

LEGGI ANCHE:  Spotify sfida YouTube: video musicali in arrivo

Un numero crescente di ricercatori indipendenti ha studiato l’impatto delle piattaforme tecnologiche sul consumo di contenuti borderline, e mentre lo studio continua, recenti articoli pubblicati concludono che le raccomandazioni di YouTube non stanno effettivamente indirizzando gli spettatori verso contenuti estremi. Invece,

il consumo di notizie e contenuti politici su YouTube riflette più in generale le preferenze personali che possono essere viste nelle loro abitudini online.

I contenuti borderline fanno soldi?

Per cominciare, le nostre linee guida per gli inserzionisti vietano già la monetizzazione di molti contenuti borderline. Molti inserzionisti ci hanno detto che non vogliono essere associati a questo tipo di contenuti su YouTube e spesso scelgono di non fare pubblicità contro di essi. Questo significa che ogni video borderline guardato è un’opportunità persa di monetizzare, il che porta a un reale mancato guadagno per YouTube.

Definizione di contenuti borderline

Allo stesso modo, questo tipo di contenuto genera sfiducia e solleva preoccupazioni non solo con i partner pubblicitari, ma con il pubblico, la stampa e i politici. La realtà è che come il nostro lavoro sulla responsabilità è cresciuto, così è cresciuta la nostra azienda e l’intera economia dei creatori. La responsabilità fa bene agli affari.

Con tutto ciò, perché non rimuoviamo semplicemente i contenuti borderline? La disinformazione tende a spostarsi ed evolversi rapidamente, e a differenza di aree come il terrorismo o la sicurezza dei bambini, spesso manca un chiaro consenso. Inoltre, la disinformazione può variare a seconda della prospettiva personale e del background.

Riconosciamo che a volte, questo significa lasciare su contenuti controversi o addirittura offensivi. Quindi continuiamo a concentrarci pesantemente sulla costruzione di raccomandazioni responsabili e prendiamo misure significative per evitare che il nostro sistema raccomandi ampiamente questi contenuti.

LEGGI ANCHE:  Un importante aggiornamento YouTube sulle infrazioni - ecco le nuove linee guida

Il nostro obiettivo è quello di avere visualizzazioni di contenuti borderline da raccomandazioni al di sotto dello 0,5% delle visualizzazioni complessive su YouTube.

Nel complesso, tutto il nostro lavoro di responsabilità sulle raccomandazioni ha mostrato un impatto reale. Il tempo di visione delle notizie autorevoli è aumentato drasticamente e le visualizzazioni borderline sono diminuite.

Questo non significa che abbiamo risolto i problemi, ma solo che dovremo continuare a perfezionare e investire nei nostri sistemi per continuare a migliorare. Il nostro obiettivo è quello di avere visualizzazioni di contenuti borderline dalle raccomandazioni al di sotto dello 0,5% delle visualizzazioni complessive su YouTube.

La missione di YouTube è dare a tutti una voce e mostrare loro il mondo. Ha fatto un’enorme differenza nella vita della mia famiglia. I video che portavano lezioni di tolleranza ed empatia hanno avuto un impatto profondo e positivo sul carattere di mia figlia maggiore. Mio figlio ha superato alcuni momenti difficili nella sua classe di algebra lineare.

Ho imparato una quantità significativa di contesto e sfumature dalle lezioni dei leader dell’etica tecnologica. E il nostro impegno per l’apertura ha dato origine a nuove voci e idee che altrimenti non avrebbero avuto una piattaforma. Creatori come Marques Brownlee, MostlySane, o NikkieTutorials hanno ispirato milioni di persone con la loro esperienza, la loro difesa e la loro onestà.

Il nostro sistema di raccomandazioni sta migliorando ogni giorno grazie al feedback di tutti voi, ma può sempre migliorare. Io e il mio team ci impegniamo a portare avanti questo lavoro e a fornirvi l’esperienza più utile e preziosa possibile.

Lascia un commento

Your email address will not be published.