YouTube registra un vero e proprio boom nei ricavi pubblicitari!

Nel terzo trimestre del 2023, i ricavi pubblicitari di YouTube sono cresciuti del 15,5%, raggiungendo i 9,2 miliardi di dollari, superando tutte le previsioni.

Amici di tuttoYouTube, quante volte abbiamo parlato di annunci, visualizzazioni e monetizzazione? Ormai è chiaro a tutti che YouTube è la piattaforma numero uno per la visualizzazione di video sul Web. I numeri parlano chiaro, e in questo articolo parleremo di come YouTube abbia superato le previsioni dei ricavi nel terzo trimestre. Tenetevi forte, perchè i numeri sono da urlo!

Nel quarto trimestre dell’anno scorso, i ricavi pubblicitari di YouTube hanno toccato i 9,2 miliardi di dollari, registrando un aumento di quasi il 16% su base annua, come annunciato dalla società madre Alphabet nel suo rapporto sugli utili della scorsa serata.

Questa notevole performance ha contribuito ad aumentare i ricavi pubblicitari complessivi di Google a oltre 65 miliardi di dollari per il trimestre. Nonostante la crescita totale degli annunci di Google sia risultata inferiore alle aspettative degli analisti, determinando un calo del 5% nel prezzo delle azioni di Alphabet nel trading after-hours, rappresenta comunque un tasso di crescita notevole per un’attività pubblicitaria già enorme.

Alcuni analisti avevano sollevato dubbi sull’impatto del passaggio di YouTube a contenuti di breve durata, reso necessario dalla competizione con TikTok per attirare l’attenzione del pubblico, sulla capacità di YouTube di monetizzare attraverso gli annunci. Sebbene i video di breve durata siano molto popolari tra gli utenti, finora si sono dimostrati più difficili da monetizzare rispetto ai contenuti video di lunga durata.

LEGGI ANCHE:  Statistiche e info sul sistema di copyright e content ID di YouTube (Dati ufficiali)

Andamento dei ricavi 2023

1° Trimestre 2023: in calo del 2,6 %, con un ricavo di 6,87 miliardi di dollari.
2° Trimestre 2023: aumento del 4,4 %, con un guadagno di 7,66 miliardi di dollari.
Trimestre 2023: aumento del 15,5% con un guadagno di 9,2 miliardi di dollari.

YouTube, Crescita, Innovazione e Sfide Superate

L’anno scorso, in questo periodo, YouTube attraversava una fase difficile, relativamente parlando, avendo appena registrato un secondo trimestre consecutivo di calo delle entrate pubblicitarie. Il mercato pubblicitario globale era impegnativo e, sebbene l’azienda stesse rapidamente aumentando il numero di spettatori sul servizio di breve durata Shorts, la monetizzazione su Shorts rappresentava ancora una sfida.

Ora, tuttavia, le condizioni nel mercato pubblicitario sono notevolmente cambiate. La domanda pubblicitaria complessiva si è ripresa, con una crescita sia della performance che della spesa per la risposta diretta, come indicato dal chief business officer di Alphabet, Philipp Schindler. Questo contribuisce certamente alla crescita di YouTube.

LEGGI ANCHE:  David Dobrik citato in giudizio per 10 milioni di dollari da Jeff Wittek per l'acrobazia con l'escavatore finita in una maniera orribile

Schindler ha dichiarato che gli investimenti dell’azienda nel targeting basato sull’intelligenza artificiale e nella creazione di contenuti stanno incoraggiando una maggiore spesa sulla piattaforma.

Questo avviene in vari modi. Performance Max, uno strumento basato sull’intelligenza artificiale che ottimizza la spesa in base ai KPI di un marketer su diversi canali di Google, tra cui la ricerca, YouTube e la rete display, è stato un’area in crescita. Nonostante alcune critiche sulla gestione operativa della “scatola nera” di PMax, Schindler sostiene che gli inserzionisti stanno ottenendo rendimenti più elevati sulle campagne PMax. E poiché PMax promuove una maggiore spesa complessiva con Google, una parte di questo denaro finirà su YouTube.

Schindler ha anche menzionato Demand Gen, uno strumento che utilizza le risorse di immagini e video più performanti degli inserzionisti per crearne i formati appropriati su YouTube, YouTube Shorts, Discover e Gmail. Ancora una volta, Schindler ha affermato che le aziende che testano questo strumento hanno registrato tassi di conversione più elevati, incoraggiando quindi una maggiore spesa.

Infine, Schindler prevede che le capacità di intelligenza artificiale generativa legate alla creazione di video contribuiranno a incrementare la spesa in futuro, specialmente da parte delle piccole e medie imprese. Ha sottolineato l’impegno continuo nell’investire in soluzioni che facilitino la competizione delle PMI con marchi più grandi e inserzionisti più sofisticati attraverso l’uso dell’IA.

LEGGI ANCHE:  Allarme crypto truffe su YouTube: di tutto e di più...fidarsi e bene...non farlo e forse meglio?

Un altro cambiamento significativo per YouTube nell’ultimo anno è stata la crescita delle offerte CTV (Connected TV) e dei contenuti di breve durata. La CTV è stata un obiettivo importante per YouTube, evidenziato dalla collaborazione con oltre 90 inserzionisti per il pacchetto NFL di quest’anno. Riguardo ai cortometraggi, nonostante la loro popolarità con una media di 70 miliardi di visualizzazioni giornaliere, la sfida rimane nella monetizzazione. YouTube non ha ancora fornito dati specifici sulle entrate pubblicitarie di Shorts, ma Schindler ha sottolineato che Shorts sta progredendo bene, con guadagni dei creatori in aumento ogni mese dall’introduzione degli annunci nel feed.

Lascia un commento

Your email address will not be published.